slash

Toc toc; tic tac
Tiktok

È arrivato il momento: parliamo di TikTok.

Nata come un’app di condivisione video, dal nome Douyin nella sua Cina nativa e TikTok nel resto del mondo, nel 2018 ha acquistato la più nota, Musical.ly, migrando tutti i suoi utenti  su una nuova piattaforma TikTok combinata.

Con oltre 800 milioni di iscritti in tutto il mondo e più di 2,4 milioni di utenti in Italia, TikTok è ormai la piattaforma del momento, utilizzata soprattutto dai teenager, ma che sta facendo girare la testa anche agli adulti. 

Ecco alcuni numeri interessanti, relativi al suo utilizzo in Italia: 

  • 34 minuti di utilizzo medio ogni giorno;
  • 65% degli utenti è donna;
  • 3 miliardi di video visualizzati ogni giorno; 
  • 280 le challenge lanciate in un anno;
  • Animali, Arte e Famiglia i topic più diffusi.

 

Cosa rende TikTok diverso dagli altri social network. 

La piattaforma, nata per la condivisione di brevi video di 15 secondi girati con lo smartphone e accompagnati da musica, è presto diventata una vera e propria community di persone attive, uno spazio dove esprimere la propria creatività e il proprio estro. Scelta anche da diversi talent show, come: Italia’s Got Talent, che ha lanciato qui la challenge #igtchallenge e che ha avuto ben 34 milioni di visualizzazioni, Zelig con #tiktokzelig (24 milioni di visualizzazioni) e infine Xfactor con #xf12inediti (20 milioni di visualizzazioni).

 

Ai creator, la cui fama è nata proprio sulla piattaforma, si sono aggiunti anche i numerosi artisti della musica, dello sport e anche della cucina italiana, per condividere video e restare in contatto con i propri fan, prendendo come esempio i colleghi stranieri (tra cui Ed Sheeran, Will Smith, Jimmy Fallon o Mr. Bean). 

Come le aziende possono utilizzare TikTok per fare marketing. 

Arriviamo al punto: su TikTok è possibile creare delle vere e proprie campagne di brand awareness, promuovere album, prodotti, servizi, artisti e tutto quello che può essere in target con gli utenti della piattaforma.

Ci sono diversi modi con cui i brand possono inserire TikTok nella loro strategia di comunicazione:

  • creare il proprio canale e caricare contenuti video in linea con il posizionamento;
  • lavorare con influencer, per diffondere contenuti a un pubblico più ampio;
  • fare advertising direttamente su TikTok.

 

Un esempio di utilizzo della piattaforma da parte dei brand/aziende sono le Hashtag Challenge: sfide in cui il brand invita la community a creare video ispirati a quello da loro pubblicato, utilizzando un determinato topic e hashtag annessi in modo da essere facilmente riconoscibili.

Guess è stato il primo rivenditore di moda ad entrare nella mischia a settembre 2018, in collaborazione con TikTok per creare il primo rilevamento di contenuti di marca negli Stati Uniti. La sfida dell’hashtag #InMyDenim ha attirato i creatori di rilievo per dimostrare come Guess potesse trasformare gli outfit da out a ini ed è stato in grado di raggiungere più di 37 milioni di visualizzazioni.

Oppure incoraggiare il coinvolgimento degli utenti nella creazione di contenuti che in qualche modo supportano il brand. Un esempio proprio in Italia di questo metodo è la collaborazione di Zelig e TikTok. All’utente veniva proposto di realizzare video comico con hashtag #TikTokZelig per poter diventare protagonista di Zelig per un giorno. I video più divertenti infatti sono apparsi e appariranno su ZeligTV e sul profilo TikTok @zelig_official 

Ancora, si può lavorare con gli influencer. Individuando il giusto obiettivo e target, per scegliere l’influencer più adatto. 

Universal Pictures, per esempio, ha utilizzato TikTok per promuovere “The House with a Clock in its Walls“, lavorando con utenti popolari come Gabby Murray, Rebecca Zamoloy, Chris Kerr e Sharla May di ‘Our Fire’ prima del lancio del film.

Quali i formati pubblicitari disponibili. 

TikTok sta consolidando la propria piattaforma di advertising e, con essa, i diversi formati disponibili, testandoli sia in USA che in Europa. 

  • Brand Takeover: è una pubblicità inserita nel flusso dei video degli utenti (ora sotto forma di immagini e gif, e a breve anche video). Lo scopo è portare gli utenti su una landing page o verso una “sfida hashtag” di TikTok. La sua caratteristica è l’esclusività: il takeover viene assegnato ad un solo brand al giorno.
  • Hashtag Challenge: per stimolare la community a produrre video TikTok si è inventato le sfide tematiche, contrassegnate da hashtag. Le aziende possono sponsorizzare tali sfide per ottenere brand awareness;
  • In-Feed Native Video: è un formato di video verticali saltabili (9-15 secondi) mostrato nella sezione “For You”. Può contenere call to action (visita ad un sito o il download di un’app);
  • Branded Lenses: le aziende possono creare delle “maschere” personalizzate (portate alla ribalta da Snapchat) da far usare agli utenti. Vengono messe in evidenza nei primi 5 posti della tab “hot” o “trending” (poi in sezioni non garantite nei successivi 5 giorni). Agli attuali effetti 2D si aggiungeranno anche quelli 3D e in Realtà Aumentata.

 

 

TikTok vs Instagram: cosa li accomuna e cosa li differenzia per i brand. 

Come per Instagram, anche TikTok permette di seguire determinati account, mettere like, commentare e condividere i propri contenuti ma, a differenza della prima, qui il focus più che sulle persone è sui contenuti stessi che vengono pubblicati. TikTok utilizza l’intelligenza artificiale per analizzare gli interessi e le preferenze manifestate dagli utenti dell’applicazione, in modo tale da poter personalizzare singolarmente i contenuti proposti. Questo fa in modo che, anche se non si seguono altri account, il feed sia sempre ricco di contenuti da visualizzare e con i quali interagire (sezione “per te”).

 

Pare che Instagram stia sviluppando un nuovo tool in grado di replicare le principali funzioni di Tik Tok, ma questo è ancora tutto da vedere.

Sicuramente siamo di fronte ad un nuovo modo di comunicare e fare marketing, un canale utile soprattutto quando il proprio target sono i più giovani. La cosa certa è che sono molteplici le possibilità offerte da questo canale, tanto per i grandi brand che per le piccole aziende, da valutare e prendere in considerazione per la crescita del proprio business. 

 

Infografica prodotta da Tik Tok per il suo primo anno di vita.

Valentina Izzo
Valentina Izzo

Esperta di comunicazione digitale, identifica gli obiettivi e crea le strategie Social per tutti i media, conosce perfettamente le dinamiche di engagement e sa come coinvolgere gli utenti. Il suo sguardo vispo è eloquente, il giusto mix tra dolcezza e cinismo puro.