slash

Ingredients
by Sacco System

Un progetto di “ingredient branding” per far scoprire il mondo microscopico degli ingredienti,
presenti in tutti i cibi che mangiamo e che permettono la vita come la conosciamo.

Il progetto

Sacco System, polo biotech per la produzione di ingredienti per l’industra alimentare, nutraceutica e farmaceutica internazionale, basa le sue radici in una missione molto chiara: “Supporting food culture and life”. Questa mission si è tradotta in un progetto ampio e complesso di Ingredient Branding il cui obiettivo è quello di informare, attraverso contenuti leggeri e di qualità, il consumatore riguardo l’esistenza di un mondo microscopico impossibile da vedere, ma grazie al quale possiamo gustare gran parte dei cibi presenti sulla nostra tavola.

L’obiettivo di questo progetto “laterale” è multiplo: da un lato, informare il consumatore dell’esistenza di un mondo all’apparenza fantastico, educandoli attraverso la fruizione di contenuti semplici, leggeri, trasformati quasi in forma cartoon; dall’altro, divenire punto di riferimento e di qualità sia per i consumer nella scelta dei prodotti da acquistare, sia nei confronti delle industrie alimentari, farmaceutiche e nutraceutiche, clienti di Sacco System.

Cosa abbiamo fatto

Da oltre un anno, studiamo il progetto di Ingredient Branding per perfezionarlo e renderlo vincente. Abbiamo innanzitutto analizzato il settore e individuato possibili benchmark a cui attingere. Da qui siamo partiti strutturando l’intero progetto a cominciare dall’identità visiva: lo studio del naming, del logo e del posizionamento, fino ai personaggi, disegnati ad hoc per il mondo fantastico di INgredients Town. Abbiamo poi scelto e definito la comunicazione online, con i due siti web - uno più istituzionale e uno che rappresentasse a pieno il progetto con la città di INgredients Town

a cui abbiamo affiancato una strategia social orientata alla creazione e fidelizzazione della community, sui canali Facebook e Instagram. In contemporanea, abbiamo lavorato alla creazione di un video in motion graphic introduttivo al mondo di INgredients Town, con i personaggi che si alternano presentandosi al pubblico e imprimono nella mente un ricordo preciso e indelebile del mondo microscopico che stiamo raccontando. Infine, l’amplificazione: divulgatori, influencer ma anche digital PR a supporto di un progetto ambizioso e ricco di aspettative.

Identità visiva

Dalla scelta del naming a quella del font, passando per i colori e non solo: ogni aspetto dell’identità visiva è stato curato a quattro mani con il reparto marketing di Sacco System affinché potesse rappresentare a pieno tanto il progetto quanto la sua mission, ma anche richiamare, grazie alle linee curve dell’orbitale, all’azienda promotrice dell’iniziativa.

In questa identità vi è tutto ciò che serve: un nome che richiama alle peculiarità degli organismi di cui raccontiamo le gesta, un simbolo che può diventare bollino di affidabilità, racchiuso nell’orbitale ed evidenziato dall’uso del maiuscolo. I colori fanno infine riferimento ad un mondo notturno, celato, ma al tempo stesso ricco di meraviglie.

Sviluppo web

Quell’identità ha poi trovato il suo primo sbocco nel sito istituzionale: Ingredients.saccosystem.com rappresenta il primo punto di arrivo per i consumatori che vogliono informarsi maggiormente sul mondo degli ingredienti. Ogni informazione è trattata in modo chiaro, con un copy leggero e sintetico che non lascia spazio alle interpretazioni. L’uso dei termini scientifici è limitato ai nomi degli ingredienti: una scelta necessaria per legare quei concetti così difficili a spiegazioni semplici e alla portata di tutti.

Il sito web è anche una vetrina per i partner di Sacco System: aziende produttrici di alimenti e integratori hanno la possibilità di raccontarsi ai consumatori e di far sapere che loro hanno scelto Sacco System anche per questo progetto. Il blog, utilizzato tanto da Sacco System quanto da ambassador del settore chiamati ad interagire con il progetto, è infine l’ultimo step di un viaggio di carattere informativo, prima di entrare nel fantastico mondo di INgredients Town.

Ingredients town

Siete mai entrati in un mondo fantastico? Con INgredients Town potrete vivere un’esperienza unica e avvolgente, a cominciare dal primo passo all’interno della città degli INgredienti. Lactis, il vecchio saggio, vi accompagnerà per le vie della città, facendovi scoprire il magico mondo degli ingredienti e le sue particolarità. Il video in motion graphic che abbiamo realizzato è una carrellata necessaria e dovuta, per presentare un mondo complesso e renderlo alla portata di tutti, anche dei più piccoli: ogni personaggio è pensato per rappresentare, in maniera quasi fedele, la reale forma degli organismi che stiamo raccontando, comprese le colorazioni e l’accostamento agli oggetti e animali che di volta in volta gli vengono affiancati.

Il racconto incalza sul sito nella sezione “ chi siamo “, all’interno della quale ogni personaggio approfondisce se stesso, prima di mandare l’utente allo step successivo: come si legano tra loro gli ingredienti e, soprattutto, cosa può esistere grazie al loro legame? Lo scopriamo proprio in questa sezione, prima di buttarci all’ultimo ed entusiasmante step. Abbiamo appreso quali sono gli ingredienti principali e cosa possono fare insieme. Ma abbiamo realmente compreso la loro importanza?

Attraverso una serie di giochi a quiz, il cui primo è stato rilasciato con il lancio del progetto e al quale seguiranno altri due giochi nei prossimi mesi, l’utente viene ingaggiato e messo alla prova: quanto ne sai realmente del mondo di INgredients? Il risultato, trattato in chiave ironica e scherzosa, può infine essere condiviso sui social media generando engagement e community.

Content & Social

Infine, ma non per importanza: tutto ciò che abbiamo realizzato andava in qualche modo comunicato. Per farlo, abbiamo scelto due canali interni vicini al pubblico potenziale, rappresentati da Facebook e Instagram. Due canali dove i personaggi, e il fantastico mondo di INgredients Town potessero facilmente prendere vita ed essere ospitati in varie salse, anche e soprattutto grazie all’uso delle Stories, trattate come vere e proprie card. I due canali vengono utilizzati per la fase di scoperta ed interazioni, con contenuti di carattere informativo accompagnati a contenuti più leggeri, come quiz e giochi in grado di ingaggiare l’utente. L’obiettivo?

Creare di fatto una community vicina al progetto e che voglia seguirne lo sviluppo.Tutto questo, andava inoltre amplificato e reso credibile, ancor più, agli occhi degli utenti. Abbiamo dunque scelto di interagire con una serie di divulgatori in ambito food e scientifico, capaci di trasmettere valore al progetto attraverso contenuti altrettanto di valore. Partiamo dal presupposto che Instagram non è solo un luogo di intrattenimento, ma ha coinvolto anche la comunità scientifica. I divulgatori scientifici sono medici, chimici, biologi, ricercatori, etc che mettono la loro professione e professionalità a disposizione dei followers.

Nei post e nelle stories sfatano miti, fanno fact checking per sbugiardare le fake news e danno indicazioni semplici per orientarsi con più facilità in tante piccole scelte quotidiane.  Seguendo questa linea abbiamo attivato tre divulgatori basandoci non sul numero della loro community, ma sulla credibilità che queste persone hanno trasmesso nel tempo. Credibilità e competenza nella comunicazione, due elementi per noi fondamentali. Abbiamo cosi anche scommesso su giovani ricercatori che, siamo sicuri, daranno il loro contributo nel tempo.

I dati relativi alle tre attivazioni ci hanno dimostrato che la strada intrapresa era quella giusta, basti pensare al numero di condivisioni e dei salvataggi dei loro post in feed.

Abbiamo avuto cosi 48 salvataggi dei 3 post in feed che, in una settimana, sono andati online a supporto del progetto. Una caratteristica che unisce i divulgatori è sicuramente il tono di voce diretto e semplice  utilizzando i termini scientificamente corretti, ma senza la complessità che talvolta rende le pubblicazioni troppo complesse per le persone comuni.

Dati divulgatori